Musicoterapista

Il Musicoterapista è un professionista dotato di competenze musicoterapiche, musicali e musicologiche (con particolare riferimento agli aspetti etno-antropologici), alle quali si aggiungono competenze nel’ambito della didattica/pedagogia, della clinica -psicologia, medicina, riabilitazione-.

Egli interviene in particolare in quei contesti clinici e socio-educativi connotati da un deficit delle competenze relazionali e comunicative e/o da una carente integrazione intrapsichica ed interpsichica del soggetto.

L’intervento musicoterapico, prevalentemente attivo, poggia la sua plausibilità scientifica sulle competenze innate di tipo sonoro/musicale proprie della specie umana.

Tali competenze sono atte a sviluppare i primi contatti interpersonali ed a veicolare la prima comunicazione interpersonale e sono attive anche in contesti clinici e socio-educativi non evoluti o regrediti e permettono l’accesso interpersonale in situazioni di isolamento e/o di disregolazione emotiva e cognitiva e di disagio fisico.

Difatti la musicoterapia mira a sviluppare le funzioni potenziali e/o residue dell’individuo in modo tale che questi possa meglio realizzare l’integrazione intra e interpersonale e consequenzialmente possa migliorare la qualità della vita grazie a un processo preventivo, riabilitativo o terapeutico.

La struttura del corso prevede 360 ore di aula/laboratorio e 240 ore di stage, per un totale di 600 ore, suddivise secondo la seguente tabella.

Insegnamento

Ore

Competenze sociali e civiche

Include le competenze personali, interpersonali e interculturali e riguarda tutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in particolare alla vita in società sempre più diversificate, come anche a risolvere i conflitti ove ciò sia necessario.

20

Imparare a imparare

Abilità di perseverare nell’apprendimento, organizzandolo mediante una gestione efficace del tempo e delle informazioni, sia a livello individuale che in gruppo.

20

Competenza digitale

Consiste nel saper utilizzare con dimestichezza e spirito critico le tecnologie della società dell’informazione (TSI) per il lavoro, il tempo libero e la comunicazione.

20

Essere in grado di attivare la riflessione critica sulla propria operatività musicoterapica

Il percorso didattico porterà lo studente ad essere in grado di applicare le principali procedure amministrative per pratiche socio educativa e sanitarie e di utilizzare i principali strumenti per la documentazione degli interventi sociali e per la compilazione di schede socio educative e sanitaria individuali al fine di effettuare una verifica degli. Inoltre, grazie anche alla gestione documentale appresa, lo studente sarà in grado di riflessione sul proprio agire professionale, applicando tecniche di gestione dell’ansia e di autovalutazione per la prevenzione del burn-out.

60

Essere in grado di attuare il trattamento musicoterapico

Il percorso didattico, attraverso l’apprendimento di tecniche musicali (quali l’uso dello strumento musicale, la composizione del suono, l’esecuzione di un brano musicale, l’improvvisazione in ensamble e l’improvvisazione sonoro-musicale con lo strumentario di lavoro e la voce) e di tecniche psicologiche e di comunicazione ( quali la gestione della comunicazione con persona diversamente abile o con problematiche fisiche e psichiche, la gestione delle dinamiche di gruppo e delle tecniche motivazionali), porterà gli studenti ad essere in grado di applicare efficacemente tecniche musicoterapiche attive e ricettive, di gruppo e individuali.

100

Essere in grado di progettare un intervento musicoterapico

Il percorso didattico metterà gli studenti non solo in grado di applicare metodologie di progettazione (obiettivi, risultati da conseguire) e previsione (a breve, a medio, a lungo termine) dell’intervento sia di gruppo che individuale in musicoterapia, ma anche di progettare e valutare (all’inizio, in itinere e a conclusione) interventi musicoterapici idonei per percorsi di prevenzione, riabilitazione, terapia, sempre in funzione della metodologia e del modello applicativo.

70

Essere in grado di valutare l’identità sonoro-musicale dell’ utente/paziente

Il percorso didattico permetterà agli studenti di applicare modalità di comunicazione partecipata e di ascolto attivo con l’utenza, tecniche di analisi dei bisogni, tecniche di analisi delle caratteristiche strutturali e parasemantiche delle musiche improvvisate e tecniche di analisi delle caratteristiche strutturali e parasemantiche delle musiche ascoltate dall’utente/paziente, arrivando ad applicare tecniche di partecipazione e interazione tra musicoterapista e utente/paziente.

70

Stage

240

Totale

600

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>